LA SCRITTURA RENDE ETERNO IL PENSIERO